Articoli di Marzo 2015 ↓

Gli Europe, appuntamento in Italia, a novembre

 

Il 28 novembre 2015, Europe a Milano

Dopo il nuovo disco ecco il tour: gli Europe, sì proprio quelli della mega-hit da 22 milioni di copie The final countdown, porteranno in giro per il mondo il loro ultimo album, War of Kings, fermandosi anche, il 28 novembre prossimo, all’Alcatraz di Milano. Le prevendite partono da domani sui circuiti TicketOne e Live Nation (i prezzi dei biglietti vanno dai 30 ai 35 euro).

War of Kings è il quinto album in studio della band svedese, dopo la reunion del 2003 e il decimo della carriera. Gli Europe – Joey Tempest (voce), John Norum (chitarra), John Levén (basso), Mic Michaeli (tastiere), Ian Haugland (batteria) – mancavano da tre anni sui palchi italiani.

(Articolo originale:http://www.sorrisi.com/live-news/europe-concerto-allalcatraz-di-milano/ )

Novità per Ramazzotti

Vai alla scheda di Eros Ramazzotti Scheda Tour e Concerti

Eros Ramazzotti ha annunciato a sorpresa che nella primavera dell’anno prossimo uscirà il suo nuovo album e che da settembre partirà l’“Eros Ramazzotti World Tour 2015”.

Il calendario della tournée prevede una data zero a Rimini il 12 settembre a cui seguiranno altri 22 appuntamenti internazionali: il 16 e 18 settembre all’Arena di Verona, il 22 a Lubiana in Slovenia, il 24 a Belgrado in Serbia, il 26 a Sofia in Bulgaria, il 29 a Cracovia in Polonia, il 5 ottobre a Zurigo in Svizzera, il 7 e l’8 a Milano, il 12 a Firenze, il 14 e il 16 a Roma, il 20 a Bologna, il 22 a Monaco di Baviera in Germania, il 24 a Mannheim in Germania, il 26 e il 27 a Bruxelles in Belgio, il 30 a Praga in Repubblica Ceca, l’1 novembre a Colonia in Germania, il 3 ad Amsterdam in Olanda, il 5 a Stoccarda in Germania e il 7 a Torino.

I biglietti saranno acquistabili dalle 12.00 di domani, giovedì 11 dicembre.

Lo show sarà arricchito della presenza di musicisti internazionali e proporrà, per la prima volta, anche i nuovi brani dell’album che sarà pubblicato nel 2015.

Qui l’articolo originale: http://www.radioitalia.it/news/eros_ramazzotti/tour/9426_eros_ramazzotti_nel_2015_un_nuovo_album_e_un_tour_internazionale.php

Voglia di volare


Piero Barone
(agrigentino doc) , Ignazio Boschetto (bolognese di nascita residente a Marsala) e Gianluca Ginoble (abruzzese di Atri e residente a Roseto) sono i tre componenti del trio vocale IL VOLO.

Prima ancora di spalancare le ali con il disco d’esordio, Il Volo ha incantato, commosso, esaltato e stabilito una mirabile serie di record, impensabile allora per tre quindicenni. Primi italiani nella storia a sottoscrivere un  contratto con una major americana,  la Geffen, etichetta del gruppo Universal America.  Unici artisti italiani invitati da Quincy Jones a “ We Are The World for Haiti”, insieme a 80 stelle internazionali tra le quali Celine Dion, Bono, Lady Gaga, Carlos Santana, Barbra Streisand, EnriqueIglesias, Usher, Natalie Cole, Will.i.am dei Black Eyed Peas.

Qui l’articolo originale: http://www.sanremo.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-433c4c5c-aacd-4f77-afc3-99d2efe77eb1.html

Assunzioni nella scuola, 2015

scuola insegnanti

Assunzioni di 150mila insegnanti a settembre 2015 azzerando le Graduatorie dei precari storici, nuovo concorso per docenti nel 2015 e a partire dal 2016 si potrà diventare docenti di ruolo solo tramite concorsi pubblici. Queste in breve le grandi novità della scuola presentate dal Premier Matteo Renzi e illustrate nel dettaglio in un documento con le linee guida della riforma.

Cerchiamo di fare chiarezza sulle nuove assunzioni e di spiegarvi nel dettaglio come sarà strutturato il concorso docenti 2015, chi potrà accedere e quali sono i tempi.

NUOVE ASSUNZIONI

Come avverranno le nuove assunzioni? Negli ultimi anni sono state realizzate per il 50% da concorso e per il 50% da GAE. Con il piano straordinario la regola cambierà e nel 2015/ 2016 le assunzioni avverranno per il 90% dalle GAE e per il 10% da concorso in modo tale da azzerare completamente le graduatorie in essere di circa 148 mila iscritti. In sostanza sarà prevista una eccezione al principio per il quale le assunzioni nel pubblico impiego possono avvenire solo tramite concorso e trattandosi di un caso straordinario, questo interesserà solo l’anno scolastico 2015/2016 (con modifica di legge).

Poi, dal 2016 in avanti (2017, 2018, 2019) le assunzioni avverranno al 100% da concorso. Il nuovo concorso insegnanti 2015 sarà indispensabile per sostituire i docenti che via via andranno in pensione a partire dall’anno 2016 (perchè non sarà più disponibile nessuna riserva storica da cui attingere) e in questo modo ci sarà spazio per i giovani. Quello proposto è un piano di assunzioni nella scuola che non ha precedenti nella storia della Repubblica italiana.

IL MAXI CONCORSO 2015, I NUMERI

Il concorso sarà bandito nella primavera del 2015 per 40mila assunzioni di personale che faranno riferimento al triennio 2016 – 2019. Permetterà a chi in questi ultimi anni ha ottenuto l’abilitazione all’insegnamento di ottenere una cattedra con posto fisso.

Quali sono i numeri? Il MIUR ha stimato un turnover di circa 13/14 mila docenti all’anno, quindi il maxi concorso 2015 servirà per coprire 40 mila posti di lavoro del triennio 2016-2019. In sostanza il concorso del 2015 sarà bandito per un numero di posti pari a quasi 4 volte il numero di posti banditi dall’ultimo concorso del 2012.

Inoltre, coinvolgerà tutte le Regioni e tutte le classi di concorso, così da far decadere graduatorie concorsuali storiche che in alcuni casi sono datate quasi 25 anni. Si stima che parteciperanno quasi 200 mila candidati, aspiranti insegnanti. 

Quanto costerà questa operazione? Molto, 3 miliardi di euro stimati e le coperture finanziarie devono ancora essere definite. Nel tempo però ci sarà un risparmio grazie all’abolizione delle supplenze, infatti non ci sarà più soltanto l’organico di diritto ma anche l’organico funzionale. In cosa consiste? In pratica gli insegnanti dell’organico funzionale (che saranno comunque assunti) avranno il compito di sostituire colleghi assenti oppure daranno supporto a questi ultimi nei passaggi più impegnativi del percorso scolastico o copriranno il tempo prolungato / tempo pieno nelle scuole.

(Qui, il link all’articolo originale: http://www.ticonsiglio.com/concorso-docenti-2015-cosa-sapere/)

Senza categoria Modifica

Lascia una risposta Annulla risposta

Autenticato come socialspecial. Logout?

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

 

 

Opere di Tamara de Lempicka, la mostra

 
Raffinata ed eccentrica quest’artista tanto cara al mondo della moda per la sua attenzione quasi maniacale a cappellini e sete svolazzanti – in mostra rappresentati al meglio dal suo chef d’oeuvre, Ragazza in verde dal Pompidou di Parigi – cui la critica non perdonò le pose fin troppo plastiche e i famosi ricci di capelli come “di trucioli”, emerge dalla narrazione della curatrice Grazia Mori in tutte le sue ambivalenze e in un’insolita veste più intimista e retrospettiva.
Scrive la Mori: «diversi sono gli aspetti evidenziati in questa nuova esposizione, dal taglio inedito, che presenta una Lempicka più intima e segreta, con alcune sorprese ancora custodite nei “mondi” di Tamara, una mostra da esplorare come se si viaggiasse in universi paralleli”, e dove è evidenziato il rapporto con i grandi fotografi della sua epoca, e lo studio costante dell’arte del passato, creando così attraverso la commistione di “antico” e “moderno” uno stile unico e inimitabile».
 
Alimentandone il mito con misteri e date confuse la stessa de Lempicka trasformò la sua vita in un vero capolavoro, che grazie all’ampia documentazione fotografica dell’artista-modella emerge con il suo estetizzante portato di sfrontata assidua del bel mondo, che oltre a due mariti ebbe fra i molti spasimanti bellissime donne, ricche eredietiere ed eccentrici aristocratici, permettendosi financo l’ardire di rifiutare le avances di Gabriele D’Annunzio.

Sono ottanta le opere dell’artista polacca presenti in mostra, lungo un percorso diviso in sette sezioni.

L’esposizione è promossa dal Comune di Torino ed è prodotta da 24ORECultura–Gruppo24Ore e da Arthemisia Group.

Tamara de Lempicka, Palazzo Chiablese, fino al 30 agosto 2015

(Notizie raccolte a cura di Liliana Antonelli)

McDonalds’s Angel, by Mimmo Parisi

Articolo di massimoalbertini in data 21-03-2015

Comunicato stampa

STELLEDICARTA & ALICERECORDS annunciano il nuovo singolo di MIMMO PARISI, sensibile cantautore e chitarrista bolognese!
Il lavoro si intitola “McDonalds’s Angel” ed è già disponibile sulla rete. Il nuovo singolo di PARISI è stilisticamente ispirato al sound nobile degli 80′s, ma, come avviene sempre per i fuori classe, il rimando a un certo modo di concepire gli arrangiamenti e i suoni è più un suggerimento per gli ascoltatori che una rigida linea guida per chi, come PARISI, scrive e propone musica. Semplificando, quindi, si può dire che siamo di fronte a un genere influenzato dal neoclassicismo di marca chitarristica (vedi Malmsteen) e, nel complesso, a un Hard Rock che risente ampiamente delle temperie sociali di questi primi anni di terzo millennio.
“McDonalds’s Angel” è, da un punto di vista testuale, una canzone nata come reazione a una notizia balzata sulla rete alla fine dell’ennesimo annus horribilis – ormai dal 2007 è l’unico modo per definire i 365 giorni che si alternano nel nuovo secolo senza grandi soluzioni sociali -, ovvero, quell’evento che ha avuto come protagonista una ragazza che il popolo della rete ha definito come “L’angelo del McDonalds”.

Il fatto è, purtroppo, drammatico: due ragazzine di 13 e 16 anni, a Offenbach, in Germania, subiscono apprezzamenti non richiesti da un gruppo di giovani balordi; una ventiduenne, Tugce, le difende e, all’uscita dal locale, viene aggredita e ridotta in fin di vita.
MIMMO PARISI, cantautore indipendente, di tutta la vicenda e con infinito rispetto per la tragedia, ne ha fatto un brano struggente e nello stesso tempo, senza pretese.
Questa è una canzone fatta e presentata in punta di piedi; PARISI abbandona ai flutti della rete, come una specie di messaggio in bottiglia, le parole e le note di questo brano.

Voto: 9, per la realizzazione e, soprattutto, per l’attenzione agli eventi che contano in questa società che dimentica presto, e senza trarre un insegnamento dalla bufera che gli gira intorno.

Qui il download:
https://www.jamendo.com/en/track/1210127/mimmo-parisi

Youtube site: https://www.google.it/#q=mimmo+parisi+youtube
Artist distribution: https://www.jamendo.com/it/artist/422708/mimmo-parisi
Label facebook: https://www.facebook.com/search/results.php?q=Mimmo+Parisi&init=public
Song’s Words: http://www.testitradotti.it/canzoni/mimmo-parisi
Reverbnation: http://www.reverbnation.com/mimmoparisi

L’attacco primaverile degli Europe

In foto: Joey Tempest e la band Europe

In foto: Joey Tempest e la band Europe

Per l’imminente primavera, la band capitanata dal carismatico e, soprattutto in scena, fragoroso Joey Tempest, ha messo a punto un preciso piano di attacco. Il 3 marzo ci sarà da tremare, ma niente paura, sarà un tremolio dovuto al potente hard rock degli svedesi della ultra premiata Final Countdown. I cinque hard rocker, hanno segnalato che il nuovo cd è pronto. L’album conterrà brani pervasi dallo spirito musicale che li segnò quando erano solo dei ragazzini, quando, guardando in tv i Deep Purple, sognavano di girare il mondo come loro.

La band – All’epoca, tutti e cinque adolescenti, pensavano che la loro passione fosse grande, ma era grande anche la possibilità di non farcela. Poi, come (non) sempre succede, il loro talento prorompente – erano i famigerati anni ’80 -, li portò all’attenzione del pubblico pronto ad osannarli: la realtà delle ragazzine urlanti, più i ragazzini abilitati e autorizzati a imitarli mentre cantavano Rock the Night, li convinse che, insomma e almeno un po’, erano diventati dei re del rock. Negli anni ’90, le estenuanti tournee e le pressioni della casa discografica che voleva bissassero le vendite di Final Countdown, li portò all’azzeramento dell’avventura Europe. I cinque re si salutarono. D’altra parte Cobain stava portando in giro una nuova sensibilità musicale: il grunge stava soppiantando tutto quello che fino a quel momento era stato fatto in campo rock.

Gli Europe – Il terzo millennio, comunque e superato l’ibridazione grunge – tutto sommato un genere decadente e senza grandi prospettive di evoluzione -, Tempest suona l’adunata e i cinque templari del rock ricominciano a soffiare nelle loro trombe, pardon, chitarre e drum! Nascono così degli ottimi LP, fino ad arrivare a War of Kings: quasi un’autocitazione. All’agenzia ANSA il frontman Joey ha dichiarato che, da una parte (e non si capisce il perché), i tempi di The Final Countdown e Carrie sono lontani, dall’altra che i brani di War of Kings rappresentano il loro sguardo sul futuro. Più precisamente, ha parlato di organo Hammond, Mellotron e chitarre blues, per quanto concerne la presenza strumentale. Poi, ha fatto i nomi di band che abbagliano le… orecchie, per il loro valore storico in campo rock: Led Zeppelin, Black Sabbath e Deep Purple su tutti. E altri. Bene, le 12 tracce di War of Kings pagano dazio ai nomi illustri citati, ma forse i cinque rischiano di dimenticare qualcuno – almeno dal loro punto di vista -, più importante: gli Europe.

È veramente curioso, ma gli Europe pare stiano seguendo il destino di Renoir: dopo aver inventato l’Espressionismo si mise a far autocritica e a studiare i classici. Per gli Europe chi sono i classici? Esattamente le band citate prima. Una curiosità, il titolo War of Kings è stato mutuato da un’opera di Frans G. Bengtsson. In ogni caso: viva i re e il loro nuovo album!

Albertini Massimo, giornalista musicale

“Eterna”, il nuovo singolo dei Dear Jack, da lunedì in tutte le radio

 

Share on printShare on facebook Share on twitterShare on emailShare on oknotizieShare on tumblrMore Sharing Services
 

13 marzo 2015

Dear Jack

“Domani è un altro film (Seconda Parte)” è già disco d’oro

di Lucia Savino

Da lunedì 16 marzo sarà in rotazione radiofonica su tutti i network il nuovo singolo dei Dear Jack, Eterna, scritto da Francesco “Kekko” Silvestre dei Modà. La band lancerà il brano in anteprima domani pomeriggio ad “Amici”, il programma condotto da Maria De Filippi in onda su Canale 5 dalle 14.10.

“Eterna” è il secondo singolo estratto da “Domani è un altro film (seconda parte)”, il secondo album dei Dear Jack, pubblicato a febbraio e  certificato oggi “Disco d’oro” dalla FIMI/GFK.

Attualmente i Dear jack sono impegnati in un tour negli instore di tutta Italia dove incontreranno i loro fan e firmeranno il poster contenuto nel nuovo disco. Tutte le date sul sito ufficiale


Segnala a Zazoom - Blog Directory

Salvarsi da soli secondo la Mazzantini

 
 
 
 
Nessuno si salva da solo, il film sui problemi di coppia e l'anoressia
 
Un nuovo film di Sergio Castellitto è in dirittura di arrivo. Il 5 marzo, tratto dall’omonimo romanzo di grande successo pubblicato nel 2011 da Margaret Mazzantini, ovvero Nessuno si salva da solo, sarà possibile assistere alla sua proiezione.
Gaetano e Delia, giovani e per certi versi privi di un destino sentimentale solido, sonoex marito e moglie. Hanno due figli  – Cosmo e Nico – che vivono insieme alla donna in quello che era un tempo un nido d’amore, mentre il padre si è dovuto adattare alla vita in residence. Lei biologa nutrizionista, in passato vittima dell’anoressia, lui sceneggiatore di programmi televisivi, i due decidono di incontrarsi in un ristorante per discutere della suddivisione delle vacanze con i loro figli. Ma la loro formale cena si trasforma ben presto in un lungo viaggio tra i ricordi di quella che era la loro bellissima storia d’amore, e in una dolorosa ricerca delle ragioni che hanno portato allo sgretolarsi del loro sentimento e, di conseguenza, alla separazione.
Attraverso numerosi flashback viene ripercorsa la storia di Delia e Gaetano, partendo dai primi entusiasmi, dallo sbocciare dell’amore, fino a giungere a tutti quei problemi e ai segreti che hanno portato i due ad allontanarsi sempre più.Film
Il film è carico di sentimento, di emozioni allo stato puro che arrivano a coinvolgere pienamente lo spettatore. Ma non solo: anche gli stessi attori hanno in certi momenti avuto come l’impressione di non recitare, ma che tutto fosse estremamente reale e tangibile. «Erano momenti così veri – spiega Riccardo Scamarcio - che certe volte ho avuto la sensazione di averli vissuti con grande esattezza con una mia ex. Quando finisce la stima e arrivi addirittura a dover nascondere i tuoi successi per non ferire l’altro, perché quella tua felicità potrebbe procurare un malessere, allora è proprio finita».
Questo esplodere di sensazioni vere, reali, concrete è dovuto al fatto che la storia che viene raccontata nel film è una storia comune, che accade ogni giorno sotto i nostri occhi. Quante coppie affiatate finiscono per autodistruggersi, quanti figli si ritrovano a soffrire per queste situazioni, quanti si guardano indietro chiedendosi: «Come sarebbe stato se invece di mollare avessimo resistito?». Mimmo Parisi, cantautore bolognese da sempre appassionato di film e storie di spessore, dopo aver letto il romanzo della Mazzantini, ha dichiarato che una delle frasi centrate del racconto è sicuramente “non ha senso andare in direzione opposta al tuo stato d’animo”; poi di suo ha aggiunto che “quando una coppia si infila nella nebbia, bisognerebbe cercare di capire da dove sia emanata qualla coltre separatrice”. Ma, oltre a quello legato ai problemi di coppia, c’è un altro importante tema che viene affrontato nel film: quello dell’anoressia. Si tratta di uno dei più diffusi disturbi del comportamento alimentare, delicatissimo da trattare nonché particolarmente difficile da sconfiggere.  Sempre più diffuso, in particolar modo tra le giovani ragazze, il problema può essere risolto grazie all’aiuto delle persone che ci vogliono bene e che ci aiutano ad apprezzarci per come siamo, a comprendere che il nostro corpo è bello perché è costituito da ossa forti, sì, ma anche e sopratutto da carne.  CastNel ruolo dei due protagonisti, Gaetano e Delia, troviamo Riccardo Scamarcio e Jasmine Trinca. Anna Galiena veste i panni di Viola, mentre Marina Rocco interpreta Matilde. I ruoli di Luigi e Fulvio sono affidati rispettivamente a Massimo Bonetti e Massimo Ciavarro, mentre Renato Marchetti, Valentina Cenni ed Eliana Migliointerpretano Giancarlo, Micol e Serena.
 
(Testo raccolto da Giorgia Conti, webber)