Articoli archiviati in 'Atavici' ↓

Una nuova Destra, se ne sentiva la mancanza

Risultati immagini per partito di destra italiano
(Esempio di vessillo di Destra che ha aiutato il popolo italiano: ora si sta tutti bene)
Si chiama “Movimento nazionale per la sovranità” il nuovo soggetto della destra sovranista di cui si tiene il congresso fondativo a Roma e in cui confluiscono Azione Nazionale e La Destra.
Il simbolo, che è stato approvato per acclamazione dalle Assise, ha a sinistra una fiamma tricolore stilizzata e, a destra, su fondo blu la scritta “Movimento nazionale per la sovranità”. “Abbiamo unito la nostra tradizione – ha spiegato Gianni Alemano – alla voglia di futuro in questo simbolo disegnato da uno dei più grandi grafici italiani, il maestro Saverio Danese”. “Dobbiamo fare primarie per scegliere il candidato premier e la linea, in modo da tenere unito il centrodestra: le primarie sono l’unico modo per ricompattare il centrodestra”.
Secondo Alemanno, “se il centrodestra non si rimette in cammino è difficile dare una risposta di governo al Paese” davanti alla divisione del Pd ed alla “incapacità” del M5S. “Ma – ammonisce Alemanno – l’unità deve essere nella chiarezza: per essa non dobbiamo fare compromessi al ribasso nè dimenticare le scelte di fondo della nostra Nazione. La Casa comune serve a difendere i valori trionfanti nel mondo della sovranità nazionale e popolare”. “Non so se Trump sia un avventuriero. Ma – ammonisce Alemanno – dalla principale potenza planetaria vengono segnali di governo della globalizzazione fondata sulle sovranità nazionali e popolari e sulla difesa dei valori fondamentali. Se questo è vero, anche in Italia deve nascere il movimento e ci deve essere un sovranismo responsabile, non fatto solo per attaccare ma per dare sostanza programmatica al progetto di governo. Sul tema c’è Salvini, c’è Giorgia Meloni.
La nostra proposta è entrare nella logica del Centrodestra non per compromesso ma come scelta di popolo”. “Se non si ricostruisce l’unità del centrodestra non c’è speranza per l’Italia”, sostiene ancora, rimarcando l’assenza al congresso di esponenti di FDI, a partire da Giorgia Meloni. “Li abbiamo invitati e non ci hanno risposto. Ci dispiace. Ma noi non ci stiamo più a fare partiti personali: sono comunità con regole, devono rispettare maggioranze e minoranze. Andiamo all’incontro con tutti quelli che sono disponibili”. Brunetta, unità unica risposta a implosione PD “Il centrodestra unito di governo è l’unica risposta all’implosione del Partito democratico. Abbiamo non solo il diritto, ma il dovere di governare. Abbiamo il dovere di dare una risposta seria e responsabile a questo Paese, una risposta fatta di contenuti”.
Lo ha detto Renato Brunetta (mica un altro…), capogruppo di Forza Italia alla Camera, parlando con i giornalisti a margine del Congresso fondativo del movimento sovranista che nascerà domani dalla fusione de La Destra di Francesco Storace e Azione nazionale di Gianni Alemanno. “Noi del centrodestra dobbiamo pensare alle cose concrete, mentre a sinistra volano gli stracci, noi dobbiamo pensare agli italiani. Gli italiani prima di tutto: la sovranità appartiene al popolo. E dunque pensiamo ai tanti giovani disoccupati, al deficit, al debito, alle nostre imprese, alle nostre città, alla sicurezza. Pensiamo ai rapporti con l’Europa: basta essere trattati come l’ultima ruota del carro. E per tutto questo – sostiene Brunetta – ci vuole il centrodestra unito di governo. Un centrodestra unito di governo plurale dove ci sia l’accoglienza di tutte le sensibilità e di tutte le proposte, sono qui proprio per testimoniare questo ai miei amici Storace e Alemanno. Quindi centrodestra unito di governo perché abbiamo il dovere di dare una risposta agli italiani, abbiamo il dovere di governare”.

 

Agnelli, il portatore del nuovo

Risultati immagini per manuel agnelli
Il capo della band più innovativa italica, ha parlato. Che dire? E’ proprio vero che quando non si ha niente da dire e dare, si è sfrontati. Agnelli che dice a qualcuno che è antico, mancava. Manuel dovrebbe ricordarsi che lui e i suoi sodali sono nati vecchi. Se qualcuno dei critici non glielo ha mai detto, sia agli Afterhours che ai Timoria e a tanti altri della penisola italica, è il caso di fare ammenda: tutta quella fronda appartenente al loro genere sono sfrontatamente incapaci.
Hanno delle composizioni al limite del beat, non sanno come si tenga in mano una chitarra – non dico come Malmsteen, ma almeno come i chitarristi che impazzano adesso con il loro plettro che batte pericolosamente su quel miserando mi cantino, sempre in ottavi, con un unico dito che, poverino non ne può più – I testi di questi sedicenti musicisti alla Agnelli, poi, sono nei pressi dello Zucchero pensiero, tra citazioni di galli da pollaio e amenità simili. Comunque, il frontman degli Afterhours è diretto, spietato e duro nei suoi giudizi: la prima puntata del talent show è tutta nel suo segno.

Manuel Agnelli si impone subito da protagonista nella prima puntata del talent show che festeggia l’edizione numero 10: nella rinnovata giuria accanto a Fedez, Arisa il debutto di alvaro Soler e Manuel Agnelli. è soprattutto quest’ultimo, cantante della rockband Afterhours a lasciaer il segno tra il pubblico e i concorrenti.